Literature In Los Angeles

Archive for the ‘INTER-REVIEWS’ Category

LIVE THROUGH THIS

In INTER-REVIEWS on October 18, 2012 at 3:04 pm

Interview with Tony Fouhse.

Stephanie MacDonald, co-author of the book

Live Through This is a book created by Canadian photographer Tony Fouhse and young heroin addict Stephanie MacDonald. They met in the street before she got clean – before she wrote this book.

LILA: What do you remember of the day you met Steph?

TONY: I remember that day very well. I had been shooting on the block for another project, USER, for an hour or so when Steph came up to me and asked what I was doing. I told her and she asked me if I would take her picture. I set it up, shot a few frames and knew right away that there was something about her. She was intense but open, transparent, able to get in touch with her feelings and brave enough to show them to me. We talked for a while once we were done and I just felt some kind of connection. I met and photographed her a number of times over the next month or so and finally blurted out the words “Is there something I can do to help you?”.

LILA: …she answered she wanted to get clean and your journey together began. Have you ever thought Steph was not going to live enough to complete Live Through This?

TONY: Yes. When Steph left the hospital (3 days after brain surgery, against medical advise) I was told that she had a 50% chance of dying in the first week. Too, about 4 months ago she relapsed (for a while) and called me up from her hospital bed (we live about 1000 miles apart). Because of her renewed drug use her Hepatitis B was acting up and her liver was failing. She straightened out and seems to be doing okay these days. But every day is a struggle and the future is unwritten.

This is an excerpt of Steph’s writing from Live Through This:

On my first day of school my mom took me and i cried when she first had to say good bye but she told me she would wait out in the hallway so i would feel better! when it was time for me to go out for break i didnt see my mom but by that time i was fitting in with my friends and playing so i didnt really care cause i was having so much fun!!:)

My first memorie of being in Ottawa would have to be walking down to King Edward and seeing how easy it was getting the drugs i needed and seeing how many people all had drug problems!! chris new where i could go to find the block so i could get my pills but he was scared to ask anyone. So i went and asked the first person i seen was noddening out and boom i found my fix. i looked at it as a safe place to live and do drugs without going to jail cause i know in halifax if they see you around a drug place you get searched and booked in jail but not here they just see if your alive.

i was sooo unrealibale I was a horrible friend and i only thought about myself!! as i did it i didnt feel bad at all but once it was done i felt like shit! but when ur a junkie you only think about yourself. Once I herd I was ganna start the program I thought to my self “Can I Do It?” but I had you and i didnt want to let you down and tell you no I wasnt ganna do it. so I new I had to do it and I was scared!! cause drugs was alls i new. But i new it had to be done. deep down i did want to get clean

LILA: Tony, who is Steph, beyond the word drug addict?

TONY: Steph is a bright, sparkly person. She likes to get excited but is also about the laziest person I have ever met. You know how you go through life and meet all these people but only 2 or 3 or 4 of them become real friends? Why is that? Probably has to do with things you can’t really verbalize, don’t even want to. You are just happy to have met someone who you feel real and comfortable with. That’s Steph.

Steph, co-author of Live Through This.

LILA: I’ve never been to Canada. Ottawa, the capital, is ranked one of the highest quality of living city of the world. Funny enough, your pictures/stories of addicts paint Ottawa like the equivalent of Skid Row, in my imagination. How do you perceive your own city?

TONY: Ottawa (or, as I like to call it: Kapital City) is quite parochial with an overhanging odour of bureaucracy. It’s mostly pretty, scenic, even, and safe. But like any tight conglomeration of one million people, it has variety. USER, my photographs of addicts were all shot on one 30 metre strip of sidewalk where this particular society of addicts hangs and conducts business. If you walk 2 block from there you are in a totally bourgeoise, tourist-trap area. Life’s like that.

LILA: On your website I saw a few pictures you took here in LA last year. You clearly have a special focus on the people who lives at the margins of society. Have you ever thought of shooting LA addicts who belong to higher social classes? Maybe for another book ;).

TONY: Never thought about shooting more addicts. I’m done with drugs.

Interview by Liliana Isella.

Photos by Tony Fouhse

from Live Through This.

MARY GARRET

In INTER-REVIEWS on February 9, 2012 at 4:06 pm

Interview with ballerina Mariafrancesca Garritano.

Mariafrancesca Garritano, known as Mary Garret, is a thirty-three year old Italian ballerina who has spent seventeen years at La Scala Theatre in Milan, where she was recently promoted soloist. Last month she has been fired because of some inconvenient truths – such as her struggle with anorexia – she has revealed in her biography.

LILA: Hi Mary. How was your day?

MARY: I woke up, took ballet class and rehearsed a piece I’ll perform as guest artist in Salerno, a lovely town in the south of Italy.

LILA: Since you lost your job at La Scala in the past days, do you still have the same ballet routine?

MARY: Yes, I take regular class every morning and then study variations and pas de deux. I’m back to tip-tap as well, which is something I used to love and do much more when I was little.

LILA: To breathe is not a choice. Being a ballerina is a choice or a lack of choice?

MARY: I’m still wondering… sooner or later I’ll get an answer! 

LILA: You entered the La Scala Theatre Ballet School when you were already sixteen. How did that happen?

MARY: I auditioned – the audition was a ballet class – and I passed it. Then, after one month trial, they confirmed me.

LILA: You’re from Calabria, a region from the very south of Italy. I was there for a beauty contest back in 1997 and, being a girl from Milan, I was scared. How was leaving your family down there and moving to Milan?

MARY: At the beginning it was hard but the excitement of making my ballerina dreams come true by studying at La Scala didn’t make me feel the loneliness. I’ve always been a dreamer and all I was looking at was my future of endless possibilities. 

LILA: How have both Milano and Calabria changed along these two decades?

MARY: Calabria is a land of stubborn people, which can be a good thing and a bad thing. I don’t go there a lot but, when I do, my memories don’t match the reality of the present anymore. There are still many young people who leave but many others stay and fight to change it into a better place. As of Milan, I have been involved so much in the ballet world that only recently I actually got to know it more. Milan runs fast to keep up with its tourism, fashion, arts and business. Milan has also slowly become a multiethnic city and that has changed its identity a lot.

LILA: What’s the spiritual feature that makes of Mary a ballerina?

MARY: The unconditional trust in what I feel deep inside.

LILA: What about the psychological one?

MARY: Willpower, which sometimes is a great engine to keep up with the exhausting work but, some other times, interferes with my ability to learn and grow!!!

LILA: And the physical one?

MARY: None really. I am not one of those ballerinas with great physical assets. But, the lack of them didn’t keep me from becoming one. Nothing more than your own brain can be your biggest physical challenge. At the same time, you become a ballerina because you have strong brain and heart that co-operate in developing and expressing the artist in you.

LILA: What ballet character do you feel the closest to who you are?

MARY: Clara in The Nutcracker by Rudolf Nureyev, as she represents the metamorphosis of a dreamy teenager into an adult. 

LILA: Which one you love performing the most?

MARY: Odette/Odile in Swan Lake by Nureyev, which is my favorite ballet.

LILA: And the one you liked the least?

MARY: I don’t remember one I didn’t like. 

LILA: Any character you didn’t perform yet and dream about?

MARY: Sleeping Beauty is one of my preferred ballets; I danced the role of Aurora only in a little excerpt – the pas de deux in the third act. Well, probably I’d like to dance the whole part of Aurora, from beginning to end. But, so far, I also feel very lucky for all the marvelous characters I already had the possibility to be on stage! 

LILA: Before writing your biography, did you like writing? And reading?

MARY: I always liked writing; as a child I was already writing fictional stories and thoughts about life. I also read a lot: psychological essays, Zafon and Oriana Fallaci. 

LILA: From what feelings your book, La verita’, vi prego, sulla danza, came from?

MARY: From the desire to reflect upon the human being inside the ballet dancer. Every artist feels the moral necessity to do so, at some point, and find her/his truths in her/his heart. 

LILA: How do you live your body and your femininity today compared to sixteen years ago?

MARY: Even sixteen years ago I didn’t feel that trying to be thinner and thinner was normal. As of today I know I damaged myself but I’ve also learnt that, no matter what’s going wrong, you can always turn it around. And, that’s the message I hope to send out through my biography.

LILA: Who’s ballet for?

MARY: For everybody. At the studio I practice lately there’s a dear friend of mine, a seventy year old woman, who practices next to me at the barre. Dancing is something that has always belonged to the human spirit and it should be available to everybody.  

LILA: What’s easier: a partnership with a man on stage or in real life?

MARY: For me both relationships are easy when I am myself and follow my instinct. Abnegation, trust, acceptance and awareness of each other’s role in the relationship should help the relationship work as well.
 
LILA: Massimo Murru o Roberto Bolle? 😉

MARY: Gene Kelly FOREVER! 😉

LILA: Can a pregnancy be a threat to the strength and the flexibility of a ballerina? Any personal plan about it?

MARY: Many ballerinas have perfectly continued their careers after pregnancies. Of course you have to be careful and pick the right timing. I didn’t think about it yet.

LILA: What do Russian ballerinas have more than Italians and vice versa?

MARY: Russian ballerinas have great technical skills they acquire early in the ballet academy. Those, with the natural emotional artistry of the Italians, would make the perfect ballerina type. For sure, what we have in common is a total dedication to ballet; I’d love us to invest this same dedication to improve the ballet world also under the human point of view, including the battle to eating disorders, for example.

LILA: Did you expect La Scala to fire you?

MARY: I felt like it could have happened. 

LILA: In your future you see more hopes or fears?

MARY: Hopes.

LILA: What and who will you miss the most from La Scala?

MARY: I’ll always carry everything and everybody inside, good or bad, because that’s a part of me…  and, whomever there is really close to me will stay with me anyways, I believe.

LILA: What company would you like to work with now? In Italy or abroad, as your nickname might suggest?

MARY: I’d love to work in America! I had a chance to move there when I was twenty-one, but I decided to stay with La Scala because I love my country. Today, who knows… I’ll start looking for a new ballet company to join and, hopefully, the Universe will send me something good!

Best of Luck to this beautiful ballerina from all of us!

Intervista di Liliana Isella.                   

Foto di Marco Brescia/La Scala.

MARIAFRANCESCA

In INTER-REVIEWS on February 8, 2012 at 3:25 pm

Intervista con la ballerina Mariafrancesca Garritano.


Mariafrancesca Garritano, ballerina trentatreenne conosciuta come Mary Garret, ha iniziato gli studi nella scuola del Teatro alla Scala di Milano a sedici anni per poi entrare nel corpo di ballo della compagnia ed essere recentemente promossa solista.
Nei giorni scorsi, in seguito alle contorversie suscitate dal suo libro La veritá, vi prego, sulla danza pubblicato nel 2010, il Teatro alla Scala ha terminato il loro rapporto lavorativo.

LILA: Ciao Mary. Com’é stata la tua giornata oggi?

MARY: Mi sono svegliata e sono andata a fare la lezione di danza e le prove per uno spettacolo a cui sono stata invitata come ospite, nella città di Salerno.

LILA: Da che il tuo rapporto lavorativo con il Teatro alla Scala é cessato nei giorni scorsi, hai piú praticato ballet?

MARY: Si, studio tutti i giorni; lezioni di danza classica, repertorio, passo a due e tip tap, che facevo e amavo tanto da piccola.

LILA: Respirare non é una scelta. Essere ballerina é una scelta o una mancanza di scelta?

MARY: Me lo sto continuando a chiedere anche io… prima o poi avrò la risposta!

LILA: Alla scuola di ballo della Scala sei entrata giá sedicenne. Come ci sei approdata?

MARY: Ho fatto domanda di ammissione alle audizioni, ho passato la selezione tramite una lezione di danza e, dopo un mese di prova, mi hanno confermata.

LILA: Tu sei calabrese. Io in Calabria ci andai nell’estate del 1997 per un concorso di bellezza e, venendo da Milano, rimasi scioccata. Tu che ricordo hai della Calabria, della tua infanzia e della tua famiglia?

MARY: La Calabria è una terra che ha tante risorse; i calabresi sono delle teste dure, e questo a volte può essere positivo e a volte no. Io ci ho vissuto fino a sedici anni e le cose sono tanto cambiate da quelli che erano i miei ricordi. E’ la mia terra però e sarei disposta a fare qualsiasi cosa per dare il mio contributo alla sua crescita.

LILA: Come hai vissuto il trasferimento a Milano?

MARY: All’inizio è stata dura anche se l’entusiasmo di poter realizzare un sogno non mi faceva sentire la solitudine. Sono stata sempre una sognatrice e quindi vedevo davanti a me un futuro pieno di possibilità e di nuove scommesse.

LILA: Com’é cambiata Milano in questi anni e come vedi cambiato il sud Italia?

MARY: Ecco… forse in questi anni sono stata presa solo dal mondo del balletto e solo da qualche anno ho tirato fuori la testa per vedere cosa accadeva intorno a me e… cosa scopro? Milano corre veloce per cercare di rispondere alla richiesta che aumenta perchè città turistica, città della moda, dell’arte, città dell’Expo e città multietnica. Il Sud lo vivo poco, ma vedo e so che ci sono tanti giovani che hanno sempre più idee, sempre più voglia di riscattarsi e di lottare, giovani che a volte scappano e giovani che invece vogliono tornare, per rimboccarsi le maniche.

LILA: Qual é la caratteristica spirituale che fa di Mary una ballerina?

MARY: La fiducia in ciò che sento intimamente.

LILA: Qual é la caratteristica psicologica che ti ha aiutato di piú nella tua formazione artistica e quella che ha aiutato di meno?

MARY: La testardaggine, in entrambi i casi… a volte era un motore e altre volte mi metteva i bastoni fra le ruote nell’apprendimento!!

LILA: Quella fisica che ha aiutato di piú e quella su cui invece hai dovuto lavorare di piú?

MARY: Non so cosa mi abbia aiutato perché non sono una ballerina dalle doti fisiche stravolgenti. Credo non ci sia una dote fisica che possa penalizzare una ballerina, più del proprio cervello…. Si balla perché si ha un cervello integro, ed un cuore che lo coadiuva nella massima espressione della propria arte.

LILA: Di quale balletto é il personaggio femminile che piú ti assomiglia?

MARY: Credo il personaggio di Clara ne Lo Schiaccianoci di Rudolf Nureyev, perchè rappresenta un po’ il mondo dell’adolescenza e della crescita di questa ragazza che da sognatrice diventa adulta.

LILA: Qual é il personaggio che hai amato di piú interpretare?

MARY: Il personaggio di Odette/Odile nel mio balletto preferito, Il Lago dei Cigni, che ho interpretato nella coreografia di Nureyev.

LILA: Quale quello che hai amato di meno?

MARY: Non ne ricordo uno che ho amato di meno.

LILA: Quale quello che tieni come sogno nel cassetto?

MARY: Tra i miei balletti preferiti c’è La Bella Addormentata; il ruolo di Aurora sono riuscita a danzarlo solo per un piccolo estratto nel passo a due del terzo atto. Ecco, forse quello mi sarebbe piaciuto danzarlo interamente. Ma va bene anche così; in fondo ho ballato tante bellissime cose!

LILA: Da che sentimenti é nato il tuo libro La verità, vi prego, sulla danza?

MARY: Dal desiderio di riflettere sull’importanza dell’essere umano in quanto tale, prima che sul ballerino. Perchè l’artista ad un certo punto ha il dovere morale di farsi delle domande e di vedere nel suo cuore quali sono le vere risposte.

LILA: In generale, ti piace scrivere? E leggere?

MARY: Mi è sempre piaciuto scrivere, perché sin da piccola scrivevo racconti fantastici e riflessioni sulla vita ed i suoi eventi. Leggo spesso saggi di psicologia e biografie di vari personaggi; mi piacciono tanto i libri di Zafon e sto iniziando a leggere sempre più Oriana Fallaci.

LILA: Come vivi il tuo corpo e la tua femminilitá oggi rispetto a sedici anni fá? Le difficoltá del passato le percepisci maggiormente come un danno o come uno strumento di presa di coscienza per quella che sei oggi?

MARY: Anche sedici anni fá mi percepivo come una ragazza normale e non credevo che il pensiero di dover essere magra a tutti i costi potesse diventare normale per me. Oggi vivo con la consapevolezza che qualche danno l’ho fatto, ma che prendendo in mano la situazione si può sempre migliorare. E’ quello speravo avvenisse attraverso il mio appello di sensibilizzazione.

LILA: Qui a Los Angeles ci sono in media trenta classi di ballet al giorno per adulti (etá 18-70) che vanno dal livello base a quello avanzato, includendo punte, pas de deux e variazioni. In Italia il ballet è per tutti o per una elite?

MARY: Io ultimamente studio danza in un centro che ospita chiunque; c’è anche una cara amica di settantanni che fa la lezione di fianco a me. La danza è per tutti e di tutti, è nata con l’uomo e non può esistere un discorso d’elite… certo non tutte le persone che amano la danza vogliono per forza fare la carriera dei ballerini professionisti, quindi perchè negar loro questo piacere?

LILA: E’ piú facile costruire una relazione duratura con un uomo sul palco o nella vita? E, che cosa ci vuole alla base delle stesse?

MARY: Io credo che sia facile essere se stessi in tutte le relazioni e seguire il proprio istinto. Ci vuole abnegazione e fiducia nell’altro, in entrambi i casi ognuno dei due ha un suo ruolo ben preciso e questa accettazione dell’altro dovrebbe far andare bene le cose.

LILA: Massimo Murru o Roberto Bolle? 😉

MARY: Gene Kelly ASSOLUTAMENTE! 😉

LILA: Una gravidanza é un rischio per la flessibilitá e la forza fisica e psicologica di una ballerina? E, quali sono i tuoi progetti a riguardo?

MARY: Ci sono molte mamme ballerine che hanno continuato perfettamente la loro carriera. Con attenzione e la tempistica giusta la gravidanza non toglie a nessuno la gioia della danza e della carriera. Io non ci ho ancora pensato.

LILA: Cos’hanno le ballerine russe che non hanno le italiane e viceversa?

MARY: Potrebbero esserci tante differenze o forse nessuna. Per la mia esperienza ho sempre riconosciuto nelle ballerine russe una grande preparazione tecnica che arriva sin dalla scuola e, questo, unito alla grande artisticità che caratterizza le italiane, sarebbe un connubio perfetto; ma, ciò che accomuna entrambe é la dedizione nel proprio lavoro, che vorrei potesse portare a dare un contributo alla danza, anche dal punto di vista umano, unendosi alla battaglia contro i disturbi alimentari.

LILA: Ti aspettavi il licenziamento?

MARY: Lo avevo messo in conto.

LILA: Il futuro ha piú paure o speranze?

MARY: Speranze.

LILA: Cosa e chi ti mancherá di piú del Teatro alla Scala e cosa e chi ti porterai dentro sempre e comunque?

MARY: Penso che mi porterò dentro tutto nel bene e nel male, perchè fa parte di me… non so ancora cosa mi mancherà, ma credo che chi sia veramente importante non l’ho mai perso e verrà sempre con me.

LILA: In che compagnia ti piacerebbe lavorare? In Italia o all’estero, come il destino del tuo soprannome potrebbe suggerire?

MARY: In America mi piacerebbe tantissimo! Ci ero andata vicina già in passato quando avevo ventunanni, poi decisi di restare nel mio teatro perchè credo molto nel senso della patria. Oggi chissà, mi metterò a cercare qualcosa, e vediamo se l’universo risponde!

Buona fortuna e, come dice il detto, che chiusa questa porta se ne apra davvero un’altra e, chissà, magari anche migliore!

Intervista di Liliana Isella.

Foto di Marco Brescia/La Scala.

SHELBY

In INTER-REVIEWS on February 2, 2012 at 2:22 pm

Intervista con l’attrice Shelby Chong.

Shelby Chong é attrice, produttrice, partner artistica e moglie di Tommy Chong del duo Cheech e Chong che, a fine anni settanta, divento` un simbolo generazionale con film comici sull’uso di droghe. Attraverso riferimenti al documentario a/k/a Tommy Chong sulle vicende giudiziarie del marito sotto il governo Bush nel 2003, Shelby racconta l’incontro con lui da adolescente a Vancouver, le rivoluzioni del ‘68, il successo improvviso a Hollywood, il peso politico dell’argomento marijuana, il presente con Obama e un’unione romantica che, a tutto questo, resiste da piu` di quarantanni.

Scalza e leggerissima, sorriso alla Marilyn come le onde bionde nei lunghi capelli perfetti e un’aderente abito beige, Shelby viene ad aprire la porta della sua villa dai discreti accenti barocchi e, fra la quiete immacolata di una domenica pomeriggio nelle Pacific Palisades, ci accomodiamo con una tazza di te` nella sala a vetrate accanto alla cucina.

LILA: Nel documentario a/k/a Tommy Chong non hai bisogno di presentazioni: sei la moglie di Tommy. Ma, chi é Shelby secondo Shelby?

SHELBY: Shelby é un’attrice comica e drammatica, una mamma e una nonna che presto avra` una sua linea di moda.

LILA: Stilista? Da quando?

SHELBY: Da sempre. Io e mia sorella siamo cresciute cucendoci i nostri vestiti. E un anno fá lei ha aperto la sua attivitá in Canada. Questo vestito che indosso gliel’ho disegnato io….

LILA: L’ho notato subito….

SHELBY: I nostri sono vestiti sexy per donne mature.

LILA: Un vestito cosí andrá a ruba fra tutte le etá. Quindi tu ora porterai le creazioni di tua sorella al prossimo livello?

SHELBY: Non le sue; le mie.

LILA: Ah….

SHELBY: Lei lavora in casa con l’aiuto della figlia e una paio di macchine da cucire e vende localmente. Ho cercato di convincerla a ingrandirsi ma non vuole. Allora io inizieró ad usare i miei disegni per una mia linea qui a LA con una socia, Sharon, che lavora da anni nel settore.

LILA: Tu allora da piccola volevi fare la stilista, non l’attrice?

SHELBY: Dopo le superiori avrei voluto continuare con la scuola d’arte, ma a diciannove anni rimasi incinta di Tommy e lui era sempre via a suonare con la sua band rhythm and blues, quindi….

LILA: Era la band in cui Tommy finí a fare il musicista perché i ragazzi neri erano gli unici che non lo escludevano, essendo lui il mix fra una cameriera irlandese e un camionista cinese?

SHELBY: Si, ed é per lo stesso motivo che l’ho incontrato io.

LILA: Perché non ti piacevano i neri?

SHELBY: No, perché avevo deciso che erano gli unici a dovermi piacere!

LILA: Ma dai! Spiegami….

SHELBY: Alle superiori avevo questo fidanzatino di seconda generazione italiana, Joe Delfonzo, di cui ero innamoratissima. A sedici anni lui mi lasció perché non ero pronta per il sesso. Cosí, per ribellarmi al dolore del cuore spezzato, decisi di fare scandalo e uscire solo con ragazzi neri.

LILA: Chi fu il primo?

SHELBY: Nessuno. I ragazzi neri a Vancouver erano forse sei e, per trovarne uno, io e mia sorella decidemmo di andare a vedere la band di Tommy. Ma non per lui – per gli altri tre che erano neri!

LILA: Emarginato persino dalla futura moglie, Tommy…

SHELBY: … dopo il concerto cercai di avvicinarmi ad uno dei tre ragazzi, ma Tommy mi fermó come un falco. E a quel tempo era persino sposato.

LILA: Relazione clandestina quindi?

SHELBY: No, amicizia per tre anni.

LILA: E come si trasformó in qualcosa di piú?

SHELBY: Rimasi incinta.

LILA: Quindi avevate una relazione clandestina!

SHELBY: No, ero vergine. Rimasi incinta con la mia prima volta in assoluto.

LILA: E la moglie?

SHELBY: Maxine e le loro due bambine si traferirono a Los Angeles.

LILA: E per seguirle siete venuti qui anche voi?

SHELBY: La prima volta ci venimmo per vivere da hippie come nel nostro film preferito del ’68, I Love You, Alice B. Toklas! Io e Tommy guidammo un camioncino da Vancouver fino a Venice Beach con Precious, la nostra bimba di tre mesi. Una volta a Venice peró ci guardammo intorno e gli unici hippie eravamo noi! Cosí facemmo marcia indietro. Poco piú tardi tornammo per sei mesi e Tommy provó a fare lo scrittore, ma non successe nulla.

LILA: Non c’é due senza tre…

SHELBY: La terza fu quando Tommy e Cheech (Cheech e Chong) decisero di tentare la fortuna a Hollywood. Questa volta partirono solo loro due.

LILA: Come si conobbero?

SHELBY: Cheech era un garzone di Vancouver che trasportava tappeti. Un amico comune ce lo presentó per la compagnia del club che Tommy gestiva col fratello, dopo che fu licenziato dalla band. I comici si esibivano con ragazze che ballavano in topless, cosa che al tempo faceva scalpore. Da subito Tommy e Cheech fecero coppia fissa sul palco.

LILA: Quando loro due partirono, per quanto sei rimasta a Vancouver da sola con la bambina?

SHELBY: Poco, ma rischiai di rimanerci per sempre.

LILA: Perchè?

SHELBY: Andai a trovare Tommy a Los Angeles dopo qualche mese e scoprii che viveva con la ex moglie.

LILA: Nooooooooooooooo….

Proprio in questo momento, Tommy fa capolino in cucina. Diventiamo rosse e fra ridolini vari non riusciamo piú a parlare. Mentre si versa un po` di latte e cereali, approfitto per complimentarmi sulla casa. Ma lui ribatte: “Questa non é casa mia. E` casa di Shelby. Io vivo nel sottoscala.”
E, fra le nostre urla divertite, ritorna un po` ricurvo verso la sua tana.

LILA: Come ti sei sentita quando lo hai beccato con la ex moglie?

SHELBY: A quel punto non mi interessava piú. Io guadagnavo bene al club, avevo la mia bambina ed ero determinata a studiare e avere una carriera.

LILA: Nulla a che vedere col cuore spezzato ai tempi di Joe Delfonzo….

SHELBY: Esatto. Ormai la rivoluzione femminile aveva preso piede e io ero una di loro al cento per cento.

LILA: Quindi vi siete separati?

SHELBY: No, Tommy mi ha scongiurato di rimanere qui con lui a LA. Disse che con la moglie viveva solo come coinquilino per non ferire i sentimenti di nessuno.

LILA: E iniziaste a girare i film da subito?

SHELBY: Prima dieci anni di spettacoli dal vivo. Il primo film fu Up in Smoke nel 1978, diretto da Lou Adler.
Io nel film non ci sono ne tantomeno lo produssi; so solo che quando Cheech e Chong lo girarono vivevamo in un monolocale in tre – io, Tommy e la bimba – e, un paio di mesi dopo, ci eravamo trasferiti in una mansion a Malibu con cavalli, vista oceano e una vita sproporzionata.

LILA: Eravate giovani. Il successo non vi ha diviso?

SHELBY: No, perché non fu quello ad unirci. Noi eravamo felici anche nel monolocale.

LILA: Che cos’é ad unirvi, allora?

SHELBY: Lo spirito ribelle. Noi siamo quelli che hanno guidato dal Canada fino a Venice Beach per vivere da hippie come
nel loro film preferito. Siamo quelli che non si sono mai sposati – se non recentemente -perché io non credo nel matrimonio. Siamo quelli che hanno fatto successo con dei film sull’uso di droghe che prendono in giro quello che eravamo e come vivevamo.

LILA: E chi eravate?

SHELBY: Gli stessi che siamo oggi. Quelli che vivono come vogliono. Secondo le nostre regole, non quelle degli altri.

LILA: Forse é propio questo che l’America non vi ha perdonato: avete fatto sempre troppo di testa vostra.

SHELBY: Esatto. Il governo Bush ha deciso di incastrare Tommy proprio per dimostrare alla gente che, se si é troppo a favore della libertá, la libertá te la tolgono.

LILA: Spieghiamo cosa é successo. Poco dopo l’attacco alle torri gemelle dell’11 settembre 2001, il procuratore generale John Ashcroft promise che il governo degli Stati Uniti sarebbe stato in grado di combattere il terrorismo e i traffici di droga. Per il fronte droga fece partire un’operazione chiamata Operation Pipe Dreams (Operazione Sogni di Pipe) che costó ai contribuenti dodici milioni di dollari e di cui il maggiore arresto di fu tuo marito Tommy, un attore comico. Ci spieghi tu il resto?

SHELBY: Nostro figlio Paris aveva aperto una fabbrica che produceva pipe e gadget legati ai film di Cheech e Chong. Per aprire il business io firmai un assegno con cui investii un milione di dollari. L’azienda era legale, aveva una ventina di operai e pagava le tasse. L’unico veto che avevamo era di non spedire le pipe in Pennsylvania e in Iowa, dove sono illegali.

LILA: E l’avete infranto?

SHELBY: Fu una trappola. Per otto mesi un ragazzo continuó a chiamare chiedendo di spedirgli un ordine in Pennsylvania. Per otto mesi gli fu negato. Allora disse che sarebbe venuto a fare l’ordine di persona in California.

LILA: Precisiamo una cosa: l’ordine si limitava a quello che producevate, pipe e gadget. Questo ordine non ha mai incluso droghe di alcun tipo, vero?

SHELBY: Corretto. Ne tantomeno gli ordini precedenti o seguenti. Questo ragazzo arriva in fabbrica e, nell’ordine, include pezzi non disponibili al momento. Paga il tutto e promette di tornare a prenderlo di persona quando é pronto. La settimana dopo peró chiama inventando una scusa che lo paralizza in Pennsylvania e supplica di fare un’eccezione e spedirgli l’ordine, visto che lo ha giá pagato. Lo staff ci casca e finalmente i federali ottengono quello che cercano da mesi: un motivo per attaccare Tommy.

LILA: Ma, se di fatto l’assegno per aprire la fabbrica lo avevi firmato tu e la fabbrica la dirigeva tuo figlio Paris, com’é che a finire in galera fu Tommy?

SHELBY: Perché Tommy era quello famoso, la faccia di quella libertá che volevano piegare. Il procuratore distrettuale della Pennsylvania incaricato di seguire il caso, Mary Beth Buchanan, propose un patto pre-processuale ai nostri avvocati: Tommy in cambio di me e nostro figlio.

LILA: E Tommy accettó?

SHELBY: All’istante. Non volle aspettare il processo, dove teoricamente avremmo anche potuto vincere e uscirne innocenti, perché non voleva dare modo ai federali di premeditare nuove trappole pur di ottenere quello che John Ashcroft gli aveva ordinato: la sua faccia dietro le sbarre.

LILA: Ma, quanta droga davvero c’é nella vostra vita, al di lá dei vostri film?

SHELBY: Tommy fuma marijuana.

LILA: Ma a me non sembrava stonato quando prima é entrato in cucina.

SHELBY: Fuma ricreazionalmente.

LILA: E tu?

SHELBY: A me la marijuana rende stanca e affamata, quindi la lascio stare e preferisco bere un bicchiere di vino a tavola con amici.

LILA: E i vostri figli?

SHELBY: Nostra figlia Precious e le due figlie del precedente matrimonio di Tommy non fumano. Noi abbiamo sempre spiegato i pro e i contro di tutte le cose, lasciando poi a loro la libertá di decidere chi essere e cosa fare.

LILA: Precious é l’unica che fa l’attrice e ha un suo spettacolo comico. Tuo figlio Paris ha invece dovuto cambiare carriera dopo che vi hanno fatto chiudere la fabbrica?

SHELBY: Ha aperto un business intorno al surf a Bali ed é diventato anche il nostro manager.

LILA: E i venti operai che lavoravano alla fabbrica?

SHELBY: Hanno perso il lavoro. Dopo che siamo cascati nella spedizione/trappola in Pennsylvania, i federali fecero due raid spettacolari nel mezzo della notte: uno qui a casa nostra e uno in fabbrica: quaranticinque agenti speciali, altrettanti cani e due elicotteri. Uno spavento che non ti dico. Tutto per farci sembrare dei criminali, quando avrebbero potuto semplicemente bussare alla porta e avremmo aperto.

LILA: A proposito, come vedi il cambiamento che Obama aveva promesso a favore delle classi lavoratrici?

SHELBY: Obama nel suo primo anno come presidente aveva la possibilitá di attuare in termini di leggi e riforme quello che aveva promesso, ma non lo ha fatto. Non ha nemmeno legalizzato la marijuana come aveva anticipato; ha persino investito soldi pubblici per perseguitare chi é coinvolto nella sua legalizzazione, cosa che prima rimproverava ai repubblicani.

LILA: Obama non ha ancora regolarizzato con l’amnistia di cui parlava i milioni di immigrati illegali che lavorano nel paese. Tu e Tommy, canadesi, come avete ottenuto la green card (permesso di soggiorno)?

SHELBY: Tommy tramite la casa discografica della band con cui suonava e io la ottenni dopo che partorii Paris sul suolo americano. Al tempo davano la cittadinanza sia alla madre che al neonato. Oggigiorno solo al figlio.

LILA: Il mese scorso Obama ha fatto passare una legge che permette di arrestare senza processo chiunque sia solo sospettato di terrorismo. Io e te, come chiunque altro, possiamo finire in galera con un solo pettegolezzo. A tal riguardo, com’é andata quando Tommy era in prigione?

SHELBY: In quel periodo mio figlio mi suggerí di usare una casetta che avevo comprato anni prima a Vancouver, di cui il valore era appena salito, per ottenere una linea di credito da investire in altri immobili. Cosí feci, per provare a me stessa che ero in grado di provvedere alla mia famiglia anche da sola. Per nove mesi tornai a Los Angeles a trovare Tommy in carcere una volta a settimana (il massimo concesso) e poi rivolavo a Vancouver a occuparmi degli immobili da sfruttare.

LILA: E, dopo il carcere, com’é ripresa la vostra vita insieme?

SHELBY: Abbiamo ricominciato il tour di Cheech e Chong nei teatri. Poi a fine mese andremo a Washington alla fiera dei network televisivi con una casa di produzione che presenterá il progetto di un reality show a casa nostra. Non un reality stupido, ma qualcosa che metta in luce anche il nostro impegno sociale.

LILA: Per la legalizzazione della marijuana?

SHELBY: Per coinvolgere i ragazzi di tutte le minorie etniche dei ghetti di Los Angeles in attivitá inerenti alla danza che indirizzino la loro adrenalina verso qualcosa di divertente, artistico e di gruppo, in alternativa alla guerriglia fra gang. Di questo progetto si occupa Beyond the Bell, un reparto del LAUSD (Distretto Unificato delle Scuole di Los Angeles). Io e Tommy prendiamo lezioni di salsa insieme e abbiamo anche girato un spot.

LILA: Mi chiedevo come mai il documentario a/k/a Tommy Chong, davvero bellissimo, non abbia mai raggiunto i network principali o i cinema. E` per il sequestro delle copie che Mary Beth Buchanan ha fatto eseguire nel 2008 dopo la sua presentazione ai festival?

SHELBY: Il sequestro ci fu, ma non fu lei la responsabile della mancata distribuzione. Svariate case di produzione fecero delle offerte ma, a Josh (Gilbert, il regista), non ne andava bene una, nemmeno le piú vantaggiose per la sua carriera. Sai, alcuni registi sono attaccati al loro documentario come ad un figlio che non lasciano andare da nessuna parte.

LILA: Ecco, un’altra categoria di teste calde. Sai cosa ti dico? Inizia a fondersi il cervello anche a me. Cioé, piú del normale.

Ridiamo e chiudiamo la chiacchierata. Grazie Shelby.

Mentre guido verso casa, peró, mi sorge una domanda: perché, dopo tanti anni insieme a Tommy senza mai volerlo sposare, recentemente ha cambiato idea?
Boh. Qui si accettano scommesse.

Intervista di Liliana Isella.

THE BALLERINA INTERVIEWS

In INTER-REVIEWS on January 9, 2012 at 2:47 pm

A documentary about Ballerinas.

The Ballerina Interviews is a documentary directed by Sven Toorvald about five ballerinas of five different generations:

Jenifer Ringer, New York City Ballet principal dancer who’s also recently seen on Oprah and Today Show).

Suzanne Goldman, former ballerina with American Ballet Theatre.

Judith Fugate, former ballerina with New York City Ballet.

Barbara Cole, former ballerina with American Ballet Theatre.

Caitlin Seither, a young promise of American Ballet Theatre.

Enjoy it!

Story by Liliana Isella.

JEFF

In INTER-REVIEWS on December 14, 2011 at 3:37 pm

Intervista con Jeff Greenberg.

jeff greenberg

LILA intervista Jeff Greenberg, proprietario del mitico studio di registrazione Village Recorder a Los Angeles e figura chiave della scena musicale dalla fine degli anni sesanta ad oggi. 

La segretaria mi avvisa che Jeff sará in ritardo di dieci minuti e mi offre un caffé e una sedia. Fra le svariate targhe trofeo che ricoprono le pareti della luminosa reception, finisco proprio davanti a quella per Californication, album dei Red Hot Chili Peppers registrato qui a fine anni novanta che ha segnato la consacrazione della band.
E finalmente arriva lui, Jeff. Sempre di corsa. Sempre in bilico. Sempre imprendibile, anche quando é lí per te.
Mi porta nella cucina al piano di sopra. Si scusa un momento, sbircia in giro e, noncurante di quale dio del rock possa sentire, urla al piano di sotto che mancano tutte le carte assorbenti. Cucina e bagno.
E poi si siede accanto a me.

LILA: Dove sei cresciuto?

JEFF: A Los Angeles. Hancock Park.

LILA: Wow, quartiere ebreo con ville stupende.

JEFF: Al tempo era strano… non come oggi.

LILA: Strano come?

JEFF: La mia famiglia era ebrea ma, quando ci siamo trasferiti lí negli anni cinquanta, eravamo un’eccezione. Mia madre faceva un gigante albero di Natale per farci sentire uguali agli altri ma, soprattutto alle scuole superiori, l’antisemitismo l’ho sentito. Ero sempre a disagio, sempre fuori posto, sempre diverso.

LILA: Dev’esserti andata meglio dopo, no? Si dice che dietro le quinte tutta Hollywood, dalla musica al cinema, sia in mano agli ebrei. Che si aiutano solo a vicenda.

JEFF (ride): Alcuni entrano nel mio ufficio e mi chiedono dov’é Mr. Greenberg, aspettandosi una persona coi capelli neri, la barba e il look da tempio…

LILA: …e tu gli rispondi che é il fascinoso rocker biondo dall’eleganza senza tempo che hanno di fronte…

JEFF (arrossendo): …i cliché sul potere degli ebrei sono vecchi. Oggigiorno ci sono persone di successo di tutte le provenienze.

LILA: La musica ti ha aiutato a superare quel senso di diversitá?

JEFF: Assolutamente. Mio padre era – ed é- un gran musicista. Portava a casa strumenti che suonava ad orecchio. E mi dava lezioni di piano.

LILA: La prima canzone che ti ha travolto?

JEFF: The Wayword Wind di Gogi Grent. Da bambino ho imparato l’organo francese per suonarla.

LILA: E da adolescente?

JEFF: Highway 61 e molte altre di Bob Dylan. La musica era l’unico modo di trovare pace e sollievo.

LILA: Cosí ti sei buttato nel settore…

JEFF: A diciotto anni. Io e il mio amico giocavamo a fare i manager di una band che si chiamava T.I.M.E., una delle migliori che abbia mai sentito a tutt’oggi.

LILA: Che fine ha fatto?

JEFF: Eravamo completamenti inesperti, quindi onesti e diretti come nessun’altro. Avevamo strappato un gran contratto discografico e l’avevamo piazzata al The Experience, un locale sul Sunset Boulevard dove al tempo suonava anche Alice Cooper. Ma poi qualcuno sparó al batterista.

LILA: Era coinvolto in una gang di LA?

JEFF: No, si pensa sia stata una band rivale.

LILA: Quando si dice rock

JEFF: La band finí e io finii a lavare bicchieri backstage del club per gli altri concerti… quello fu il primo vero lavoro.

LILA: Ti sei mai occupato di produzione?

 Jeff volta la domanda a Scott, un ragazzo hip sulla trentina che é appena salito in cucina con in mano svariati tipi di carte assorbenti. E scoppiano a ridere.

JEFF: Scott ha appena co-prodotto con me i Mumiy Trolls, una rockband russa. Scott é un ingeniere del suono bravissimo.

LILA:Dalla console alla carta igenica, eh? Vedo che ci vuole flessibilitá per lavorare per te, Jeff… cos’altro?

JEFF: Incredibili doti musicali. Assumo spesso ragazzi giovani appena laureati alla UC Berkeley, perché bisogna essere giá incredibili musicisti solo per essere ammessi in quell’universitá. Loro sanno parlare lo stesso linguaggio musicale degli artisti  che vengono a registrare qui.

LILA: La miglior parte di essere il proprietario di questo studio?

JEFF: Dimenticarsene. Io non mi sento il padrone. Sono solo al servizio di questa struttura storica e dei nostril clienti.

LILA: Il ricordo piú bello?

JEFF: Il miracolo della resurrezione. Questo posto lo presi a pezzi nel 1995. Dopo averlo completamente rimodernato chiamavo le case discografiche e spiegavo che qui avevano registrato i Rolling Stones e i Pink Floyd e loro mi rispondevano: “Ma chi vuole registrare dove hanno registrato le canzoni dei loro genitori?!”

LILA: E come li hai convinti?

JEFF: E` stata la fortuna. La prima band che ci ha dato una chance ha partorito un album nominato per sette Grammy. Parlo di Mellon Collie and The Infinite Sadnessdegli Smashing Pumpkins, album simbolo degli anni novanta. Saró grato a Billy Corgan a vita.

LILA: Dammi una fotografia dal tuo album degli anni sesanta.

JEFF: Io e Bob Dylan seduti in una limousine bloccata nel traffico di New York. Cosí é nata Stuck In The Middle.

LILA: Dai settanta.

JEFF: Quattrocentomila persone al concerto Cal Jam del 1978 con Aerosmith, Santana, Foreign e Heart che organizzai con Don Branker.

LILA: Gli Aerosmith li rappresentavi anche quando lavoravi come agente all’agenzia ICM?

JEFF: Si, fu una parentesi negli anni ottanta.

LILA: Oh, sugli ottanta ho una curiositá:  é vero che Axl Rose é insopportabile?

JEFF (stupito): Conosci Axl Rose?

Gli faccio una liguaccia.

JEFF: Negli anni ottanta organizzavo concerti ed eventi al Greek Theatre di Hollywood, dove invitavo ad esibirsi anche personalita` della danza come Martha Graham e Rudolf Nureyev. Axl l’ho conosciuto solo recentemente; da inizio duemila ha passato otto anni al Village per realizzare Chinese Democracy coi nuovi Guns. Posso dire solo parole positive su di lui.

LILA: Per convenienza?

JEFF: No, per amicizia. Scrivilo, per favore.

LILA: La ricetta del successo di un’artista?

JEFF: Talento, di cui solo la natura ha la ricetta. Intelligenza. E perseveranza. L’idea che l’artista riesca ad essere remunerato nel corso della propria vita é cosa recente nella storia. Vince chi fa arte  perché non puó farne a meno. Come respirare. I soldi non pagano, se sono l’unico obbiettivo.

LILA: Cosa conosci dell’Italia?

JEFF: La bellezza.

LILA: Sai chi é Vasco Rossi?

JEFF: No.

LILA: Laura Pausini?

JEFF: No.

LILA: Eros Ramazzotti?

JEFF (scuote la testa divertito): Mi spiace, no. Ma conosco Andrea Morricone. E il padre Ennio. Andrea registra qui molte colonne sonore. Adoro la sua combinazione di strumenti. Conduce l’orchestra alla Jimi Hendrix. E Bocelli ha registrato qui un album di Natale.

LILA: La band piú sottovalutata di tutti i tempi.

JEFF: Ah, molte. Wet Willie e The 88, entrambe di LA, sono le prime che mi vengono in mente.

LILA: Qualcuno di nuovo con cui vorresti lavorare al Village?

JEFF: Nick Cave. Gli altri sono giá stati qui tutti credo.

LILA: Anche Lady Gaga. La trovi sexy?

JEFF: La trovo estremamente dolce, evoluta e piena di grazia.

LILA: Sei sicuro?

JEFF: Si. E per niente sorpreso del suo successo.

LILA: La donna piú talentuosa che hai incontrato.

JEFF: Bette Midler. Professionale senza paragoni. Nessuno mi ha ispirato piú di lei nell’intero show business.

LILA: La piú irresistibile che abbia mai messo piede al Village.

Jeff pensa e ripensa….

LILA: Non dovresti pensarci sú cosí tanto, Jeff…

JEFF: Ma si, ovviamente tu Liliana…

LILA: Good boy!

JEFF: …e poi loro, tutte le donne del mio staff. E ce ne sono tante, lo dovresti sapere…

LILA: Oh, ti riferisci alla mia amica Eleanor (Goldfield, ingegnere del suono e cantante della band di LA Rooftop Revolutionaries).

JEFF: Si, sono loro le piú irresistibili. E, senza di loro, non resisterei.

Intervista di Liliana Isella.

 

 

EXTREME

In INTER-REVIEWS on August 6, 2011 at 1:47 pm

Gary and Nuno of Extreme

This guy got my number at a Coffee Bean in Santa Monica.
He’s a sweaty-yoga-class coffee drinker, what I’d call “post-pathetic.”
But, he’s a producer, and I certainly didn’t come to Los Angeles to hang out only with stupid Italians so, “Whatever. Another fucking concert can’t hurt.”

Extreme. Tuesday night at the House of Blues. Okaaaay.
I move from the mirror to the closet to find a dress that matches the accessories of my showery nudity: blue stilettos, Ray-Bans and two gigantic hoop earrings.

Post-Pathetic Producer picks me up. He must be the same age as the guys we’re going to see.
Back in the early ’90s, Extreme was the two “oh, wow” brothers of More Than Words.
In reality, their brotherhood was just a bewildering voice my school girlfriends had created out of their incestuous fantasies.

After a couple of half-smiled beers and a few cigarettes, the lights and the music finally turn the stage on.

For the first minute, I’m in shock:  Jesus, Gary Cherone is the quintessence of sex!
My lips are dying to taste the sour sweat on the fortress of his full-bodied voice. They’d fight against its iron nerves, defeat all those seductive muscles and pierce that impenetrable skin just to reach, touch and kiss his agile cords of notes.

But it’s when the ambience calms down from the hot blooded energy of Get the Funk Out and Decadence Dance, that I really feel Nuno.
He sits at the piano and his fingers make Ghost, an insightful extract from their most recent album Saudades de Rock, fly up in a lyrical, blue melody.

And, when his exotic Hole Hearted sings into my eyes “there’s a hole in my heart that can only be filled by you,” I’m about to believe his betraying guitar, but an awkward left hand ring disarms my interest. No green card for me, here.

Gary’s hands are free, instead.
Too bad I can’t go meet him backstage, though.
Post-Pathetic Producer cannot see the slut I am; there’s the risk he demands the same treatment for himself, then.
And, in Hollywood, a smart girl never offends a masculine ego.

Another lonely night is the price to pay.
But, imagination doesn’t know boundaries. So, here Gary comes.
My thighs embrace his powerful senses, hold his warm breath and press on his explosive life.

Sorry, but we’re heading to a place where visitors are not allowed.

Story by Liliana Isella.

STEEL PANTHER

In INTER-REVIEWS on June 13, 2011 at 12:12 pm

Steel Panther by Pam Sprenger

“It’s just another manic Monday.”
This is true. But no, no, you would never wish it was Sunday.
Not if you need the true explosion of a dangerous, star-shining Rock’n’Roll.
Not if you live in Los Angeles and you have been missing the magic times of Axl Rose hanging out with Slash at the Rainbow.
Not if you are stuck in traffic on the 10 freeway and, when the radio blesses you with some Hotter Than Hell Kiss singing “you’ll drive us wild, we’ll drive you crazy,” you turn your eyes up to the Hollywood sign and wish upon those letters to actually find a place like that.
Not if, in the eighties, you were a little Italian girl watching your rebel, messy older cousin’s Skid Row videos dreaming of a guy like Sebastian Bach.

I was, then and there. Now and here, instead, I’m just another LA girl in another manic Monday.
But no, no, I would never wish it was Sunday.
Tonight Steel Panther are playing on the Sunset Strip, like they have been doing every sold out Monday for the last eleven years. And, this is enough to make of Monday my fun day.

Right at midnight, these twisted Cinderellas will jump on stage and turn themselves into the kings of the Hollywood nights.
Because, it’s not only about being excellent musicians here: these guys are also the funniest entertainers around.
And, they are smart enough to not forget that, nowhere like here in the City of Angels, people are desperate for attention. So, the hottest chicks of the front row become protagonists of the show whenever the extraordinarly charismatic lead singer drags them on stage to get wild on Def Leppard Pour Some Sugar on Me or any other classic of the eighties.
So he does with the many celebrities who don’t mind to join the band, sometimes for a killer exhibition of their musical skills, sometimes just to display all the most unexpected, disparate and desperate sides of their own personality.

Steel Panther are lead singer Michael Starr (“double r for double rocking, dude!”) who hides (or takes out) the real identity of Ralph Saenz; guitar hero Satchel (Russ Parrish) and drummer Stix Zadinia (Darren Leader).

I’m also trying to gain better knowledge of Lexxi Foxxx – the sexiest, foxiest, goofiest bass player ever. And, I guess I’m trying to achieve a very detailed knowledge, since I’ve decided that, tonight, after the show, I’ll go say hi to the crazy mind he comes from.
It’s Travis Haley’s. He can’t show off the same bubbly, never-ending head of hair of his Lexxi but, if it’s true that the truth lies in the eyes, Lexxi and Travis must share something peculiarly beautiful I want to share as well.

So, at least on this regard, from those Bangles Girls Manic Monday, I can save something for my night as well: “it takes me so long just to figure out what I’m gonna wear.”
Sure. Whoever Travis is, I am not gonna look any less than how his incomparably gorgeous Lexxi looks on stage.
This is why, “in the hottest of the Hollywood nights, in those Hollywood hills,”* I’m getting ready for what I want.
And, you know what a groupie wants, right?!?

Review by Liliana Isella.

Photo by Pam Sprenger.

_______________________________________________________________________________________________

*Bob Seger, Hollywood nights

LEALANI

In INTER-REVIEWS on May 4, 2011 at 3:01 pm

Interview with Los Angeles artist Lealani Ranch.

Mirabelle by Lealani Ranch ~ 2000

LILA: When and why did you come to LA?


LEALANI: I was born in Honolulu, Hawaii, but raised on Wonderland Avenue in the Hollywood Hills. 
Growing up in Los Angeles seemed bohemian and casual with many extravagant opportunities. Fortunately my sister and I were exposed to all forms of art by our parents who have always worked in creative fields. 

LILA: ‘Wonderland’ Avenue?!? Wow… I wonder how’s growing up in Wonderland ;).

LEALANI: I’ve often heard people from other places say that people from LA were plastic and phony. I’ve never known this to be true. Even those who have reinvented themselves are genuine from the heart. I try to surround myself with friends who are accepting of obscurities because sometimes I am a bit odd and by all means, I welcome oddities.

Traveller by Lealani Ranch ~ 1994

LILA: How’s your relationship with ‘Wonderland’ changed over the years?

LEALANI: In the late 90s I was in my mid 20s and opened an art gallery that featured my paintings. When the gallery was not open I would go out on the town and party like a lunatic. I loved meeting new people and inviting them to see my art. The gallery was in West Hollywood but I lived in Venice Beach. 
Since then I have lived in NY and have traveled extensively. Now I find myself back in Venice and wouldn’t want to be anywhere else. I must say, as breathtaking as this world is, I feel like a guest everywhere except Los Angeles. 
Wherever I go, when I come back to LA, I am home. I do not go out nearly as much as I used to, though I still love meeting new people and sharing stories.  

The King of Luck by Lealani Ranch ~ 2011

LILA: Well, the connection to Hollywood is still strong, as you have contributed with one of your paintings to Billy Bob Thornton’s documentary on Willie Nelson that just premiered at SXSW.

LEALANI: At one of my art shows where my High Art Calendar Collection was being shown, I had the great fortune of meeting legend Willie Nelson. In an instant I felt like we had always been friends. He was so easy to talk with, so kind and genuine. I was truly moved and grateful. A few months later, by mere coincidence, my fiancé got an editing job on a documentary about Willie directed by Billy Bob Thornton. While this movie – The King of Luck – was being edited, I painted a tribute to Willie Nelson. I did not know if they would like it, but they did. I’m very happy about that.  Any connection to someone that brilliant is an honor.

LILA: The High Art Calendar Collection?!? Please, tell us more ;).

LEALANI: In 2010 I had a close and personal glimpse of how stupid the prohibition law against cannabis is. Laws are supposed to keep people safe, not hurt them. I wanted to make a mockery of the pot leaf symbol and present it with buxom women from all over the world. Each month of the calendar was filled with the past 5000 years of historical facts about cannabis, including its uses and reasons for being banned. Shirts, bags and other items were also printed with images from the calendar on them. I hope the greed based law changes soon so that people’s freedom will no longer be threatened because of their preferred method of medicating.

High Art Calendar by Lealani Ranch ~ 2010

LILA: How deeply does ‘Wonderland’ still influence your work?

LEALANI: Los Angeles has a freakish subculture that allows artists to tap into their strangest thoughts and present them as art. I appreciate that. Los Angeles praises bad behavior rather than shun it. In some cases, it seems as though people try to out do each other with unusual behavior. For example, the paparazzi are drawn to celebrities who get into trouble more than the quieter ones because if it’s unusual, more people are interested in seeing it.  It almost seems like a contest of who can out weird the rest the most. I do not feel like I am in a contest, I feel as though I’ve tried to fit in but have always found myself on the outskirts of the crowd. I’ve learned that restricting my imagination does not make for interesting art. Here in Los Angeles, the land of the obscure, it is acceptable to be yourself whether or not you fit in.  After all, even the most traditional people can be quite strange.

Primordial Rage by Lealani Ranch ~ 1995

LILA: What about the Pregnancy paintings I saw in your studio a couple of months ago? Still working on them?

LEALANI: Yes, I am. I have always been an obsessive person. This is not bad. Without obsession things would not get done. I find myself fixating on different topics. Today it is babies. Babies are silly and cute, this is one reason I keep painting them. Another is, as a woman of 38 years, I’ve traveled, loved,  artied, laughed, cried… and now, I find myself deeply in love with my fiancé.  The thought of making new life with him is something I shamelessly flaunt.  Fortunately he feels the same way. 

LILA: My favorite piece of yours is Leda and the Swan. Tell me why, please :)….

LEALANI: Maybe because you can play with it? Leda and the Swan is one of my interactive sculpted paintings.  I made it in 2001.  With help from my father, an art director with an extensive workshop, I created a painting that can be scrambled and unscrambled by the viewer.  It’s ever changing art.  Another piece from the interactive collection is Multi-Woman, a 6’2” tower with spinning boxes that can be moved into 6036 different combinations.  Both of these pieces were seen at the LACMA Muse show in 2002.  I loved watching people play with them; they all seemed like happy children.  I love making people smile like that.



Interview by
Liliana Isella.

SHANNON

In INTER-REVIEWS on August 29, 2010 at 12:39 pm

LILA presents Hollywood painter Shannon Crawford.

Shannon Crawford, If I Just Smile Dot Dot Dot, 2008

He’s tall. He’s blonde. He’s Hollywood.
He looks like a middle 90s rockstar and so is he. He’s the former frontman of Cellophane and Monster In The Machine, this last one produced by James “Munky” Shaffer of Korn.

He’ll welcome you to his hills home of light, cigarettes and wood with a smile of armed youth. And, without really listening to anything you’ll say, he’ll make you dance through the pieces of his talent.


Ladies and Gentlemen, here he comes:  Mr. Shannon Crawford.
I bet you’ll enjoy him. I did.

Shannon Crawford, Untitled, 2010 ~ oil on canvas 36″ x 72″

Shannon Crawford, Untitled, 2010 ~ oil on canvas 42″ x 66″

Shannon Crawford, We Know What’s Best For You, 2010 ~ oil on canvas 26″ x 60″

Shannon Crawford, Spiders From Mars, 2010 ~ oil on canvas “48 x 68”

Atomic Age Heroine, 2008 ~ Purchased by Johnny Depp

Story by Liliana Isella.

%d bloggers like this: