Literature In Los Angeles

Archive for February, 2012|Monthly archive page

MARY GARRET

In INTER-REVIEWS on February 9, 2012 at 4:06 pm

Interview with ballerina Mariafrancesca Garritano.

Mariafrancesca Garritano, known as Mary Garret, is a thirty-three year old Italian ballerina who has spent seventeen years at La Scala Theatre in Milan, where she was recently promoted soloist. Last month she has been fired because of some inconvenient truths – such as her struggle with anorexia – she has revealed in her biography.

LILA: Hi Mary. How was your day?

MARY: I woke up, took ballet class and rehearsed a piece I’ll perform as guest artist in Salerno, a lovely town in the south of Italy.

LILA: Since you lost your job at La Scala in the past days, do you still have the same ballet routine?

MARY: Yes, I take regular class every morning and then study variations and pas de deux. I’m back to tip-tap as well, which is something I used to love and do much more when I was little.

LILA: To breathe is not a choice. Being a ballerina is a choice or a lack of choice?

MARY: I’m still wondering… sooner or later I’ll get an answer! 

LILA: You entered the La Scala Theatre Ballet School when you were already sixteen. How did that happen?

MARY: I auditioned – the audition was a ballet class – and I passed it. Then, after one month trial, they confirmed me.

LILA: You’re from Calabria, a region from the very south of Italy. I was there for a beauty contest back in 1997 and, being a girl from Milan, I was scared. How was leaving your family down there and moving to Milan?

MARY: At the beginning it was hard but the excitement of making my ballerina dreams come true by studying at La Scala didn’t make me feel the loneliness. I’ve always been a dreamer and all I was looking at was my future of endless possibilities. 

LILA: How have both Milano and Calabria changed along these two decades?

MARY: Calabria is a land of stubborn people, which can be a good thing and a bad thing. I don’t go there a lot but, when I do, my memories don’t match the reality of the present anymore. There are still many young people who leave but many others stay and fight to change it into a better place. As of Milan, I have been involved so much in the ballet world that only recently I actually got to know it more. Milan runs fast to keep up with its tourism, fashion, arts and business. Milan has also slowly become a multiethnic city and that has changed its identity a lot.

LILA: What’s the spiritual feature that makes of Mary a ballerina?

MARY: The unconditional trust in what I feel deep inside.

LILA: What about the psychological one?

MARY: Willpower, which sometimes is a great engine to keep up with the exhausting work but, some other times, interferes with my ability to learn and grow!!!

LILA: And the physical one?

MARY: None really. I am not one of those ballerinas with great physical assets. But, the lack of them didn’t keep me from becoming one. Nothing more than your own brain can be your biggest physical challenge. At the same time, you become a ballerina because you have strong brain and heart that co-operate in developing and expressing the artist in you.

LILA: What ballet character do you feel the closest to who you are?

MARY: Clara in The Nutcracker by Rudolf Nureyev, as she represents the metamorphosis of a dreamy teenager into an adult. 

LILA: Which one you love performing the most?

MARY: Odette/Odile in Swan Lake by Nureyev, which is my favorite ballet.

LILA: And the one you liked the least?

MARY: I don’t remember one I didn’t like. 

LILA: Any character you didn’t perform yet and dream about?

MARY: Sleeping Beauty is one of my preferred ballets; I danced the role of Aurora only in a little excerpt – the pas de deux in the third act. Well, probably I’d like to dance the whole part of Aurora, from beginning to end. But, so far, I also feel very lucky for all the marvelous characters I already had the possibility to be on stage! 

LILA: Before writing your biography, did you like writing? And reading?

MARY: I always liked writing; as a child I was already writing fictional stories and thoughts about life. I also read a lot: psychological essays, Zafon and Oriana Fallaci. 

LILA: From what feelings your book, La verita’, vi prego, sulla danza, came from?

MARY: From the desire to reflect upon the human being inside the ballet dancer. Every artist feels the moral necessity to do so, at some point, and find her/his truths in her/his heart. 

LILA: How do you live your body and your femininity today compared to sixteen years ago?

MARY: Even sixteen years ago I didn’t feel that trying to be thinner and thinner was normal. As of today I know I damaged myself but I’ve also learnt that, no matter what’s going wrong, you can always turn it around. And, that’s the message I hope to send out through my biography.

LILA: Who’s ballet for?

MARY: For everybody. At the studio I practice lately there’s a dear friend of mine, a seventy year old woman, who practices next to me at the barre. Dancing is something that has always belonged to the human spirit and it should be available to everybody.  

LILA: What’s easier: a partnership with a man on stage or in real life?

MARY: For me both relationships are easy when I am myself and follow my instinct. Abnegation, trust, acceptance and awareness of each other’s role in the relationship should help the relationship work as well.
 
LILA: Massimo Murru o Roberto Bolle? 😉

MARY: Gene Kelly FOREVER! 😉

LILA: Can a pregnancy be a threat to the strength and the flexibility of a ballerina? Any personal plan about it?

MARY: Many ballerinas have perfectly continued their careers after pregnancies. Of course you have to be careful and pick the right timing. I didn’t think about it yet.

LILA: What do Russian ballerinas have more than Italians and vice versa?

MARY: Russian ballerinas have great technical skills they acquire early in the ballet academy. Those, with the natural emotional artistry of the Italians, would make the perfect ballerina type. For sure, what we have in common is a total dedication to ballet; I’d love us to invest this same dedication to improve the ballet world also under the human point of view, including the battle to eating disorders, for example.

LILA: Did you expect La Scala to fire you?

MARY: I felt like it could have happened. 

LILA: In your future you see more hopes or fears?

MARY: Hopes.

LILA: What and who will you miss the most from La Scala?

MARY: I’ll always carry everything and everybody inside, good or bad, because that’s a part of me…  and, whomever there is really close to me will stay with me anyways, I believe.

LILA: What company would you like to work with now? In Italy or abroad, as your nickname might suggest?

MARY: I’d love to work in America! I had a chance to move there when I was twenty-one, but I decided to stay with La Scala because I love my country. Today, who knows… I’ll start looking for a new ballet company to join and, hopefully, the Universe will send me something good!

Best of Luck to this beautiful ballerina from all of us!

Intervista di Liliana Isella.                   

Foto di Marco Brescia/La Scala.

MARIAFRANCESCA

In INTER-REVIEWS on February 8, 2012 at 3:25 pm

Intervista con la ballerina Mariafrancesca Garritano.


Mariafrancesca Garritano, ballerina trentatreenne conosciuta come Mary Garret, ha iniziato gli studi nella scuola del Teatro alla Scala di Milano a sedici anni per poi entrare nel corpo di ballo della compagnia ed essere recentemente promossa solista.
Nei giorni scorsi, in seguito alle contorversie suscitate dal suo libro La veritá, vi prego, sulla danza pubblicato nel 2010, il Teatro alla Scala ha terminato il loro rapporto lavorativo.

LILA: Ciao Mary. Com’é stata la tua giornata oggi?

MARY: Mi sono svegliata e sono andata a fare la lezione di danza e le prove per uno spettacolo a cui sono stata invitata come ospite, nella città di Salerno.

LILA: Da che il tuo rapporto lavorativo con il Teatro alla Scala é cessato nei giorni scorsi, hai piú praticato ballet?

MARY: Si, studio tutti i giorni; lezioni di danza classica, repertorio, passo a due e tip tap, che facevo e amavo tanto da piccola.

LILA: Respirare non é una scelta. Essere ballerina é una scelta o una mancanza di scelta?

MARY: Me lo sto continuando a chiedere anche io… prima o poi avrò la risposta!

LILA: Alla scuola di ballo della Scala sei entrata giá sedicenne. Come ci sei approdata?

MARY: Ho fatto domanda di ammissione alle audizioni, ho passato la selezione tramite una lezione di danza e, dopo un mese di prova, mi hanno confermata.

LILA: Tu sei calabrese. Io in Calabria ci andai nell’estate del 1997 per un concorso di bellezza e, venendo da Milano, rimasi scioccata. Tu che ricordo hai della Calabria, della tua infanzia e della tua famiglia?

MARY: La Calabria è una terra che ha tante risorse; i calabresi sono delle teste dure, e questo a volte può essere positivo e a volte no. Io ci ho vissuto fino a sedici anni e le cose sono tanto cambiate da quelli che erano i miei ricordi. E’ la mia terra però e sarei disposta a fare qualsiasi cosa per dare il mio contributo alla sua crescita.

LILA: Come hai vissuto il trasferimento a Milano?

MARY: All’inizio è stata dura anche se l’entusiasmo di poter realizzare un sogno non mi faceva sentire la solitudine. Sono stata sempre una sognatrice e quindi vedevo davanti a me un futuro pieno di possibilità e di nuove scommesse.

LILA: Com’é cambiata Milano in questi anni e come vedi cambiato il sud Italia?

MARY: Ecco… forse in questi anni sono stata presa solo dal mondo del balletto e solo da qualche anno ho tirato fuori la testa per vedere cosa accadeva intorno a me e… cosa scopro? Milano corre veloce per cercare di rispondere alla richiesta che aumenta perchè città turistica, città della moda, dell’arte, città dell’Expo e città multietnica. Il Sud lo vivo poco, ma vedo e so che ci sono tanti giovani che hanno sempre più idee, sempre più voglia di riscattarsi e di lottare, giovani che a volte scappano e giovani che invece vogliono tornare, per rimboccarsi le maniche.

LILA: Qual é la caratteristica spirituale che fa di Mary una ballerina?

MARY: La fiducia in ciò che sento intimamente.

LILA: Qual é la caratteristica psicologica che ti ha aiutato di piú nella tua formazione artistica e quella che ha aiutato di meno?

MARY: La testardaggine, in entrambi i casi… a volte era un motore e altre volte mi metteva i bastoni fra le ruote nell’apprendimento!!

LILA: Quella fisica che ha aiutato di piú e quella su cui invece hai dovuto lavorare di piú?

MARY: Non so cosa mi abbia aiutato perché non sono una ballerina dalle doti fisiche stravolgenti. Credo non ci sia una dote fisica che possa penalizzare una ballerina, più del proprio cervello…. Si balla perché si ha un cervello integro, ed un cuore che lo coadiuva nella massima espressione della propria arte.

LILA: Di quale balletto é il personaggio femminile che piú ti assomiglia?

MARY: Credo il personaggio di Clara ne Lo Schiaccianoci di Rudolf Nureyev, perchè rappresenta un po’ il mondo dell’adolescenza e della crescita di questa ragazza che da sognatrice diventa adulta.

LILA: Qual é il personaggio che hai amato di piú interpretare?

MARY: Il personaggio di Odette/Odile nel mio balletto preferito, Il Lago dei Cigni, che ho interpretato nella coreografia di Nureyev.

LILA: Quale quello che hai amato di meno?

MARY: Non ne ricordo uno che ho amato di meno.

LILA: Quale quello che tieni come sogno nel cassetto?

MARY: Tra i miei balletti preferiti c’è La Bella Addormentata; il ruolo di Aurora sono riuscita a danzarlo solo per un piccolo estratto nel passo a due del terzo atto. Ecco, forse quello mi sarebbe piaciuto danzarlo interamente. Ma va bene anche così; in fondo ho ballato tante bellissime cose!

LILA: Da che sentimenti é nato il tuo libro La verità, vi prego, sulla danza?

MARY: Dal desiderio di riflettere sull’importanza dell’essere umano in quanto tale, prima che sul ballerino. Perchè l’artista ad un certo punto ha il dovere morale di farsi delle domande e di vedere nel suo cuore quali sono le vere risposte.

LILA: In generale, ti piace scrivere? E leggere?

MARY: Mi è sempre piaciuto scrivere, perché sin da piccola scrivevo racconti fantastici e riflessioni sulla vita ed i suoi eventi. Leggo spesso saggi di psicologia e biografie di vari personaggi; mi piacciono tanto i libri di Zafon e sto iniziando a leggere sempre più Oriana Fallaci.

LILA: Come vivi il tuo corpo e la tua femminilitá oggi rispetto a sedici anni fá? Le difficoltá del passato le percepisci maggiormente come un danno o come uno strumento di presa di coscienza per quella che sei oggi?

MARY: Anche sedici anni fá mi percepivo come una ragazza normale e non credevo che il pensiero di dover essere magra a tutti i costi potesse diventare normale per me. Oggi vivo con la consapevolezza che qualche danno l’ho fatto, ma che prendendo in mano la situazione si può sempre migliorare. E’ quello speravo avvenisse attraverso il mio appello di sensibilizzazione.

LILA: Qui a Los Angeles ci sono in media trenta classi di ballet al giorno per adulti (etá 18-70) che vanno dal livello base a quello avanzato, includendo punte, pas de deux e variazioni. In Italia il ballet è per tutti o per una elite?

MARY: Io ultimamente studio danza in un centro che ospita chiunque; c’è anche una cara amica di settantanni che fa la lezione di fianco a me. La danza è per tutti e di tutti, è nata con l’uomo e non può esistere un discorso d’elite… certo non tutte le persone che amano la danza vogliono per forza fare la carriera dei ballerini professionisti, quindi perchè negar loro questo piacere?

LILA: E’ piú facile costruire una relazione duratura con un uomo sul palco o nella vita? E, che cosa ci vuole alla base delle stesse?

MARY: Io credo che sia facile essere se stessi in tutte le relazioni e seguire il proprio istinto. Ci vuole abnegazione e fiducia nell’altro, in entrambi i casi ognuno dei due ha un suo ruolo ben preciso e questa accettazione dell’altro dovrebbe far andare bene le cose.

LILA: Massimo Murru o Roberto Bolle? 😉

MARY: Gene Kelly ASSOLUTAMENTE! 😉

LILA: Una gravidanza é un rischio per la flessibilitá e la forza fisica e psicologica di una ballerina? E, quali sono i tuoi progetti a riguardo?

MARY: Ci sono molte mamme ballerine che hanno continuato perfettamente la loro carriera. Con attenzione e la tempistica giusta la gravidanza non toglie a nessuno la gioia della danza e della carriera. Io non ci ho ancora pensato.

LILA: Cos’hanno le ballerine russe che non hanno le italiane e viceversa?

MARY: Potrebbero esserci tante differenze o forse nessuna. Per la mia esperienza ho sempre riconosciuto nelle ballerine russe una grande preparazione tecnica che arriva sin dalla scuola e, questo, unito alla grande artisticità che caratterizza le italiane, sarebbe un connubio perfetto; ma, ciò che accomuna entrambe é la dedizione nel proprio lavoro, che vorrei potesse portare a dare un contributo alla danza, anche dal punto di vista umano, unendosi alla battaglia contro i disturbi alimentari.

LILA: Ti aspettavi il licenziamento?

MARY: Lo avevo messo in conto.

LILA: Il futuro ha piú paure o speranze?

MARY: Speranze.

LILA: Cosa e chi ti mancherá di piú del Teatro alla Scala e cosa e chi ti porterai dentro sempre e comunque?

MARY: Penso che mi porterò dentro tutto nel bene e nel male, perchè fa parte di me… non so ancora cosa mi mancherà, ma credo che chi sia veramente importante non l’ho mai perso e verrà sempre con me.

LILA: In che compagnia ti piacerebbe lavorare? In Italia o all’estero, come il destino del tuo soprannome potrebbe suggerire?

MARY: In America mi piacerebbe tantissimo! Ci ero andata vicina già in passato quando avevo ventunanni, poi decisi di restare nel mio teatro perchè credo molto nel senso della patria. Oggi chissà, mi metterò a cercare qualcosa, e vediamo se l’universo risponde!

Buona fortuna e, come dice il detto, che chiusa questa porta se ne apra davvero un’altra e, chissà, magari anche migliore!

Intervista di Liliana Isella.

Foto di Marco Brescia/La Scala.

SHELBY

In INTER-REVIEWS on February 2, 2012 at 2:22 pm

Intervista con l’attrice Shelby Chong.

Shelby Chong é attrice, produttrice, partner artistica e moglie di Tommy Chong del duo Cheech e Chong che, a fine anni settanta, divento` un simbolo generazionale con film comici sull’uso di droghe. Attraverso riferimenti al documentario a/k/a Tommy Chong sulle vicende giudiziarie del marito sotto il governo Bush nel 2003, Shelby racconta l’incontro con lui da adolescente a Vancouver, le rivoluzioni del ‘68, il successo improvviso a Hollywood, il peso politico dell’argomento marijuana, il presente con Obama e un’unione romantica che, a tutto questo, resiste da piu` di quarantanni.

Scalza e leggerissima, sorriso alla Marilyn come le onde bionde nei lunghi capelli perfetti e un’aderente abito beige, Shelby viene ad aprire la porta della sua villa dai discreti accenti barocchi e, fra la quiete immacolata di una domenica pomeriggio nelle Pacific Palisades, ci accomodiamo con una tazza di te` nella sala a vetrate accanto alla cucina.

LILA: Nel documentario a/k/a Tommy Chong non hai bisogno di presentazioni: sei la moglie di Tommy. Ma, chi é Shelby secondo Shelby?

SHELBY: Shelby é un’attrice comica e drammatica, una mamma e una nonna che presto avra` una sua linea di moda.

LILA: Stilista? Da quando?

SHELBY: Da sempre. Io e mia sorella siamo cresciute cucendoci i nostri vestiti. E un anno fá lei ha aperto la sua attivitá in Canada. Questo vestito che indosso gliel’ho disegnato io….

LILA: L’ho notato subito….

SHELBY: I nostri sono vestiti sexy per donne mature.

LILA: Un vestito cosí andrá a ruba fra tutte le etá. Quindi tu ora porterai le creazioni di tua sorella al prossimo livello?

SHELBY: Non le sue; le mie.

LILA: Ah….

SHELBY: Lei lavora in casa con l’aiuto della figlia e una paio di macchine da cucire e vende localmente. Ho cercato di convincerla a ingrandirsi ma non vuole. Allora io inizieró ad usare i miei disegni per una mia linea qui a LA con una socia, Sharon, che lavora da anni nel settore.

LILA: Tu allora da piccola volevi fare la stilista, non l’attrice?

SHELBY: Dopo le superiori avrei voluto continuare con la scuola d’arte, ma a diciannove anni rimasi incinta di Tommy e lui era sempre via a suonare con la sua band rhythm and blues, quindi….

LILA: Era la band in cui Tommy finí a fare il musicista perché i ragazzi neri erano gli unici che non lo escludevano, essendo lui il mix fra una cameriera irlandese e un camionista cinese?

SHELBY: Si, ed é per lo stesso motivo che l’ho incontrato io.

LILA: Perché non ti piacevano i neri?

SHELBY: No, perché avevo deciso che erano gli unici a dovermi piacere!

LILA: Ma dai! Spiegami….

SHELBY: Alle superiori avevo questo fidanzatino di seconda generazione italiana, Joe Delfonzo, di cui ero innamoratissima. A sedici anni lui mi lasció perché non ero pronta per il sesso. Cosí, per ribellarmi al dolore del cuore spezzato, decisi di fare scandalo e uscire solo con ragazzi neri.

LILA: Chi fu il primo?

SHELBY: Nessuno. I ragazzi neri a Vancouver erano forse sei e, per trovarne uno, io e mia sorella decidemmo di andare a vedere la band di Tommy. Ma non per lui – per gli altri tre che erano neri!

LILA: Emarginato persino dalla futura moglie, Tommy…

SHELBY: … dopo il concerto cercai di avvicinarmi ad uno dei tre ragazzi, ma Tommy mi fermó come un falco. E a quel tempo era persino sposato.

LILA: Relazione clandestina quindi?

SHELBY: No, amicizia per tre anni.

LILA: E come si trasformó in qualcosa di piú?

SHELBY: Rimasi incinta.

LILA: Quindi avevate una relazione clandestina!

SHELBY: No, ero vergine. Rimasi incinta con la mia prima volta in assoluto.

LILA: E la moglie?

SHELBY: Maxine e le loro due bambine si traferirono a Los Angeles.

LILA: E per seguirle siete venuti qui anche voi?

SHELBY: La prima volta ci venimmo per vivere da hippie come nel nostro film preferito del ’68, I Love You, Alice B. Toklas! Io e Tommy guidammo un camioncino da Vancouver fino a Venice Beach con Precious, la nostra bimba di tre mesi. Una volta a Venice peró ci guardammo intorno e gli unici hippie eravamo noi! Cosí facemmo marcia indietro. Poco piú tardi tornammo per sei mesi e Tommy provó a fare lo scrittore, ma non successe nulla.

LILA: Non c’é due senza tre…

SHELBY: La terza fu quando Tommy e Cheech (Cheech e Chong) decisero di tentare la fortuna a Hollywood. Questa volta partirono solo loro due.

LILA: Come si conobbero?

SHELBY: Cheech era un garzone di Vancouver che trasportava tappeti. Un amico comune ce lo presentó per la compagnia del club che Tommy gestiva col fratello, dopo che fu licenziato dalla band. I comici si esibivano con ragazze che ballavano in topless, cosa che al tempo faceva scalpore. Da subito Tommy e Cheech fecero coppia fissa sul palco.

LILA: Quando loro due partirono, per quanto sei rimasta a Vancouver da sola con la bambina?

SHELBY: Poco, ma rischiai di rimanerci per sempre.

LILA: Perchè?

SHELBY: Andai a trovare Tommy a Los Angeles dopo qualche mese e scoprii che viveva con la ex moglie.

LILA: Nooooooooooooooo….

Proprio in questo momento, Tommy fa capolino in cucina. Diventiamo rosse e fra ridolini vari non riusciamo piú a parlare. Mentre si versa un po` di latte e cereali, approfitto per complimentarmi sulla casa. Ma lui ribatte: “Questa non é casa mia. E` casa di Shelby. Io vivo nel sottoscala.”
E, fra le nostre urla divertite, ritorna un po` ricurvo verso la sua tana.

LILA: Come ti sei sentita quando lo hai beccato con la ex moglie?

SHELBY: A quel punto non mi interessava piú. Io guadagnavo bene al club, avevo la mia bambina ed ero determinata a studiare e avere una carriera.

LILA: Nulla a che vedere col cuore spezzato ai tempi di Joe Delfonzo….

SHELBY: Esatto. Ormai la rivoluzione femminile aveva preso piede e io ero una di loro al cento per cento.

LILA: Quindi vi siete separati?

SHELBY: No, Tommy mi ha scongiurato di rimanere qui con lui a LA. Disse che con la moglie viveva solo come coinquilino per non ferire i sentimenti di nessuno.

LILA: E iniziaste a girare i film da subito?

SHELBY: Prima dieci anni di spettacoli dal vivo. Il primo film fu Up in Smoke nel 1978, diretto da Lou Adler.
Io nel film non ci sono ne tantomeno lo produssi; so solo che quando Cheech e Chong lo girarono vivevamo in un monolocale in tre – io, Tommy e la bimba – e, un paio di mesi dopo, ci eravamo trasferiti in una mansion a Malibu con cavalli, vista oceano e una vita sproporzionata.

LILA: Eravate giovani. Il successo non vi ha diviso?

SHELBY: No, perché non fu quello ad unirci. Noi eravamo felici anche nel monolocale.

LILA: Che cos’é ad unirvi, allora?

SHELBY: Lo spirito ribelle. Noi siamo quelli che hanno guidato dal Canada fino a Venice Beach per vivere da hippie come
nel loro film preferito. Siamo quelli che non si sono mai sposati – se non recentemente -perché io non credo nel matrimonio. Siamo quelli che hanno fatto successo con dei film sull’uso di droghe che prendono in giro quello che eravamo e come vivevamo.

LILA: E chi eravate?

SHELBY: Gli stessi che siamo oggi. Quelli che vivono come vogliono. Secondo le nostre regole, non quelle degli altri.

LILA: Forse é propio questo che l’America non vi ha perdonato: avete fatto sempre troppo di testa vostra.

SHELBY: Esatto. Il governo Bush ha deciso di incastrare Tommy proprio per dimostrare alla gente che, se si é troppo a favore della libertá, la libertá te la tolgono.

LILA: Spieghiamo cosa é successo. Poco dopo l’attacco alle torri gemelle dell’11 settembre 2001, il procuratore generale John Ashcroft promise che il governo degli Stati Uniti sarebbe stato in grado di combattere il terrorismo e i traffici di droga. Per il fronte droga fece partire un’operazione chiamata Operation Pipe Dreams (Operazione Sogni di Pipe) che costó ai contribuenti dodici milioni di dollari e di cui il maggiore arresto di fu tuo marito Tommy, un attore comico. Ci spieghi tu il resto?

SHELBY: Nostro figlio Paris aveva aperto una fabbrica che produceva pipe e gadget legati ai film di Cheech e Chong. Per aprire il business io firmai un assegno con cui investii un milione di dollari. L’azienda era legale, aveva una ventina di operai e pagava le tasse. L’unico veto che avevamo era di non spedire le pipe in Pennsylvania e in Iowa, dove sono illegali.

LILA: E l’avete infranto?

SHELBY: Fu una trappola. Per otto mesi un ragazzo continuó a chiamare chiedendo di spedirgli un ordine in Pennsylvania. Per otto mesi gli fu negato. Allora disse che sarebbe venuto a fare l’ordine di persona in California.

LILA: Precisiamo una cosa: l’ordine si limitava a quello che producevate, pipe e gadget. Questo ordine non ha mai incluso droghe di alcun tipo, vero?

SHELBY: Corretto. Ne tantomeno gli ordini precedenti o seguenti. Questo ragazzo arriva in fabbrica e, nell’ordine, include pezzi non disponibili al momento. Paga il tutto e promette di tornare a prenderlo di persona quando é pronto. La settimana dopo peró chiama inventando una scusa che lo paralizza in Pennsylvania e supplica di fare un’eccezione e spedirgli l’ordine, visto che lo ha giá pagato. Lo staff ci casca e finalmente i federali ottengono quello che cercano da mesi: un motivo per attaccare Tommy.

LILA: Ma, se di fatto l’assegno per aprire la fabbrica lo avevi firmato tu e la fabbrica la dirigeva tuo figlio Paris, com’é che a finire in galera fu Tommy?

SHELBY: Perché Tommy era quello famoso, la faccia di quella libertá che volevano piegare. Il procuratore distrettuale della Pennsylvania incaricato di seguire il caso, Mary Beth Buchanan, propose un patto pre-processuale ai nostri avvocati: Tommy in cambio di me e nostro figlio.

LILA: E Tommy accettó?

SHELBY: All’istante. Non volle aspettare il processo, dove teoricamente avremmo anche potuto vincere e uscirne innocenti, perché non voleva dare modo ai federali di premeditare nuove trappole pur di ottenere quello che John Ashcroft gli aveva ordinato: la sua faccia dietro le sbarre.

LILA: Ma, quanta droga davvero c’é nella vostra vita, al di lá dei vostri film?

SHELBY: Tommy fuma marijuana.

LILA: Ma a me non sembrava stonato quando prima é entrato in cucina.

SHELBY: Fuma ricreazionalmente.

LILA: E tu?

SHELBY: A me la marijuana rende stanca e affamata, quindi la lascio stare e preferisco bere un bicchiere di vino a tavola con amici.

LILA: E i vostri figli?

SHELBY: Nostra figlia Precious e le due figlie del precedente matrimonio di Tommy non fumano. Noi abbiamo sempre spiegato i pro e i contro di tutte le cose, lasciando poi a loro la libertá di decidere chi essere e cosa fare.

LILA: Precious é l’unica che fa l’attrice e ha un suo spettacolo comico. Tuo figlio Paris ha invece dovuto cambiare carriera dopo che vi hanno fatto chiudere la fabbrica?

SHELBY: Ha aperto un business intorno al surf a Bali ed é diventato anche il nostro manager.

LILA: E i venti operai che lavoravano alla fabbrica?

SHELBY: Hanno perso il lavoro. Dopo che siamo cascati nella spedizione/trappola in Pennsylvania, i federali fecero due raid spettacolari nel mezzo della notte: uno qui a casa nostra e uno in fabbrica: quaranticinque agenti speciali, altrettanti cani e due elicotteri. Uno spavento che non ti dico. Tutto per farci sembrare dei criminali, quando avrebbero potuto semplicemente bussare alla porta e avremmo aperto.

LILA: A proposito, come vedi il cambiamento che Obama aveva promesso a favore delle classi lavoratrici?

SHELBY: Obama nel suo primo anno come presidente aveva la possibilitá di attuare in termini di leggi e riforme quello che aveva promesso, ma non lo ha fatto. Non ha nemmeno legalizzato la marijuana come aveva anticipato; ha persino investito soldi pubblici per perseguitare chi é coinvolto nella sua legalizzazione, cosa che prima rimproverava ai repubblicani.

LILA: Obama non ha ancora regolarizzato con l’amnistia di cui parlava i milioni di immigrati illegali che lavorano nel paese. Tu e Tommy, canadesi, come avete ottenuto la green card (permesso di soggiorno)?

SHELBY: Tommy tramite la casa discografica della band con cui suonava e io la ottenni dopo che partorii Paris sul suolo americano. Al tempo davano la cittadinanza sia alla madre che al neonato. Oggigiorno solo al figlio.

LILA: Il mese scorso Obama ha fatto passare una legge che permette di arrestare senza processo chiunque sia solo sospettato di terrorismo. Io e te, come chiunque altro, possiamo finire in galera con un solo pettegolezzo. A tal riguardo, com’é andata quando Tommy era in prigione?

SHELBY: In quel periodo mio figlio mi suggerí di usare una casetta che avevo comprato anni prima a Vancouver, di cui il valore era appena salito, per ottenere una linea di credito da investire in altri immobili. Cosí feci, per provare a me stessa che ero in grado di provvedere alla mia famiglia anche da sola. Per nove mesi tornai a Los Angeles a trovare Tommy in carcere una volta a settimana (il massimo concesso) e poi rivolavo a Vancouver a occuparmi degli immobili da sfruttare.

LILA: E, dopo il carcere, com’é ripresa la vostra vita insieme?

SHELBY: Abbiamo ricominciato il tour di Cheech e Chong nei teatri. Poi a fine mese andremo a Washington alla fiera dei network televisivi con una casa di produzione che presenterá il progetto di un reality show a casa nostra. Non un reality stupido, ma qualcosa che metta in luce anche il nostro impegno sociale.

LILA: Per la legalizzazione della marijuana?

SHELBY: Per coinvolgere i ragazzi di tutte le minorie etniche dei ghetti di Los Angeles in attivitá inerenti alla danza che indirizzino la loro adrenalina verso qualcosa di divertente, artistico e di gruppo, in alternativa alla guerriglia fra gang. Di questo progetto si occupa Beyond the Bell, un reparto del LAUSD (Distretto Unificato delle Scuole di Los Angeles). Io e Tommy prendiamo lezioni di salsa insieme e abbiamo anche girato un spot.

LILA: Mi chiedevo come mai il documentario a/k/a Tommy Chong, davvero bellissimo, non abbia mai raggiunto i network principali o i cinema. E` per il sequestro delle copie che Mary Beth Buchanan ha fatto eseguire nel 2008 dopo la sua presentazione ai festival?

SHELBY: Il sequestro ci fu, ma non fu lei la responsabile della mancata distribuzione. Svariate case di produzione fecero delle offerte ma, a Josh (Gilbert, il regista), non ne andava bene una, nemmeno le piú vantaggiose per la sua carriera. Sai, alcuni registi sono attaccati al loro documentario come ad un figlio che non lasciano andare da nessuna parte.

LILA: Ecco, un’altra categoria di teste calde. Sai cosa ti dico? Inizia a fondersi il cervello anche a me. Cioé, piú del normale.

Ridiamo e chiudiamo la chiacchierata. Grazie Shelby.

Mentre guido verso casa, peró, mi sorge una domanda: perché, dopo tanti anni insieme a Tommy senza mai volerlo sposare, recentemente ha cambiato idea?
Boh. Qui si accettano scommesse.

Intervista di Liliana Isella.

%d bloggers like this: